HOME
ET&COMUNIC@TION
ATTIVITA' LOCALI
SOCIAL TRIBE
ECONOMIA E FINANZA
LAVORO
BANDI E APPALTI
MOTORI
OROSCOPO
ART ON THE WEB
SPORT
SALA GIOCHI
E-MAIL
WEB TV
CONTATTACI
RICERCA NEL SITO

CASTROVILLARI.BIZ
WEB SERVICE
 

Social Tribe

 

 

 

     Tentata estorsione a Lapo Elkann - Deve restare in carcere con le accuse di estorsione e tentata estorsione il cameriere di 31 anni, E. B., arrestato martedi' mentre cercava di incassare 90mila euro da Lapo Elkann   BANDI E APPALTI  ECONOMIA E FINANZA SOCIAL TRIBE MOTORI

Tentata estorsione a Lapo Elkann - Deve restare in carcere con le accuse di estorsione e tentata estorsione il cameriere di 31 anni, E. B., arrestato martedi' mentre cercava di incassare 90mila euro da Lapo Elkann, dopo averne ottenuti già 30mila, in cambio della non diffusione di un presunto video nel quale si vedrebbe il rampollo della famiglia Agnelli passare un pomeriggio con lui e con il fratello del giovane tra " droga e autoerotismo ", secondo quanto riferito dai ricattatori. Lo ha deciso il gip di Milano Stefania Pepe, che accogliendo la richiesta del pm Giancarla Serafini ha convalidato l'arresto in flagranza e disposto la custodia cautelare in carcere. Ieri l'uomo, difeso dall'avvocato Antonio Nebuloni, è stato interrogato dal giudice nel carcere milanese di San Vittore. Sono "circostanze manifestamente false e non vere, quale il fantasioso accostamento a 'stati di droga e autoerotismo'" quelle "attribuite dall'arrestato a Lapo Elkann" nell'evidente tentativo di oscurare le sue accertate responsabilità", è la precisazione dell'avvocato Giovannandrea Anfora, legale di Lapo Elkann. Il cameriere ha riferito che, dopo aver incontrato fuori da un locale di Milano Lapo Elkann "seminudo" un pomeriggio dello scorso aprile e dopo averlo accompagnato a casa sua assieme al fratello (indagato), sarebbe stato lo stesso Lapo a tirare fuori della cocaina che aveva portato con sé. E poi il fratello del giovane con un telefono cellulare avrebbe girato di nascosto delle immagini di quel pomeriggio. Lapo Elkann, invece, nella sua denuncia presentata in Procura avrebbe spiegato, da quanto si è saputo, che la droga era già in quella casa. Il rampollo della famiglia Agnelli avrebbe poi fatto avere al cameriere un pallone con gli autografi dei calciatori della Juventus, ma l'uomo non si sarebbe accontentato e avrebbe cominciato a chiedere soldi e a ricattarlo. Dopo aver ottenuto 30mila euro con tanto di scrittura privata, lo scorso luglio, con i soldi consegnati dal maggiordomo di Lapo in un albergo in zona Loreto (l'arrestato consegnò il cellulare, ma si sarebbe tenuto una copia del video), il cameriere, stando alla sua versione, avrebbe incontrato il 'paparazzo' Fabrizio Pensa, detto 'Bicio', ex collaboratore di Fabrizio Corona e coinvolto ai tempi nell'inchiesta cosiddetta 'Vallettopoli'. E Pensa gli avrebbe detto che con quel video poteva fare molti più soldi. Sempre stando al suo racconto, il giovane avrebbe provato a piazzare quelle immagini contattando prima 'Novella 2000' e poi anche Alfonso Signorini, direttore di 'Chi', con il quale avrebbe anche fissato un appuntamento a Roma, ma Signorini poi avrebbe preso tempo e l'incontro sarebbe saltato. Poi, però, stando sempre alla sua versione, Lapo Elkann lo avrebbe contattato e il cameriere, che sperava di ottenere 350mila euro, si sarebbe accordato alla fine con lui per avere 90mila euro da consegnare all'Hotel Four Season, martedì scorso. Lapo, però, aveva nel frattempo presentato denuncia in Procura e proprio dalla denuncia è scaturito l'arresto in flagranza nell'albergo dove il cameriere si aspettava di trovare i soldi. ( fonte: Ansa )

 

 

  

 




RSS Feed